BRAINSTORMING: tutte le regole da seguire per generare idee

Letteralmente “tempesta di cervelli” ma viene tradotto anche “assalto di idee“.

E’ una tecnica molto usata in contesti di business per raccogliere idee in gruppo.

Il termine è stato formulato per la prima volta nel 1939 da Alex F. Osborn che è considerato il guru del creative thinking.

Ma quanti conoscono organizzazione e regole del brainstorming?

Partecipanti

Numero che consigliamo: da 2 a 10 persone. Bisogna scegliere le persone (e il numero) a seconda dell’oggetto e del contesto aziendale.

  • Gruppo eterogeneo: coinvolge persone diverse per età, ruolo, competenze, studi, esperienze ecc.
  • Gruppo omogeneo: le persone coinvolte sono più simili. Solitamente capita in reparti specifici di un’azienda o in contesti più piccoli.

Ambiente

Scegliere una location che permetta ai partecipanti di sentirsi a proprio agio e rilassati, limitando distrazioni e favorendo inclusività.

Facilitatore

Non si eleva sopra i partecipanti ma “conduce le danze“: spiega il contesto e gli obiettivi, favorisce collaborazione e concentrazione, scrive appunti e fa rispettare le 4 regole.

Vediamo ora le 4 REGOLE principali secondo Osborn

1 – EVITA LE CRITICHE

Se una persona tra i partecipanti critica ripetutamente le idee altrui, è fuori.

Non è una gara a chi è più bravo. Le idee devono piovere a ruota libera. In un momento successivo, chi prende decisioni di business deciderà quale idee portare avanti e quali eliminare.

2 – QUANTITA’

E’ fondamentale produrre tante idee per creare tante prospettive da combinare. Puntare alla quantità piuttosto che alla qualità per ora. Il moderatore ha il compito di assicurare una qualità minima agli spunti non criticando ma indicando la via.

In un secondo momento, si assegneranno punteggi che per comodità consigliamo da 1 a 10 alle singole idee.

3 – NIENTE CENSURA

La censura in questa fase è un limite per la creatività. E’ necessario “sbottonarsi” soprattutto se il settore è quello marketing e pubblicità. Il moderatore fa rispettare il buon senso e il buon costume. Non tarpa le ali.

Conosciuto il contesto e gli obiettivi, ogni partecipante deve far viaggiare la mente verso sentieri usuali e non.

4 – EVOLUZIONE

Ogni idea viene rielaborata insieme. Le persone migliorano e creano combinazioni prendendo spunto dalle idee degli altri. Si crea un meccanismo di evoluzione delle idee stesse.

La mia creatività diventa un punto di partenza per la tua/nostra creatività. La produzione di un’idea è individuale, il suo miglioramento è collettivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *